Quando si parla di vetture – i puristi mi perdoneranno – l’argomento meccanica lascia sempre più spazio a quello elettronica. Oggi l’elettronica di bordo è un aspetto sempre più fondamentale nelle vettura moderne, sia ibride od a propulsione elettrica, che a combustibili fossili. Elettronici sono soprattuto tutti i sistemi di sicurezza moderni, basati sui sensori e sul computer di bordo, sempre più spesso in grado di prendere il controllo della vettura per evitare situazioni spiacevoli, grazie a tecnologie come la frenata automatica di emergenza o il mantenimento automatico della corsia. Non siamo ancora nell’era della guida autonoma vera e propria ma, a giudicare dai progressi, poco ci manca.navigatore Android auto mappeOggi però voglio parlarvi di un altro tipo di elettronica, forse più basica, ma con cui siamo sempre in contatto quando guidiamo: quella del computer di bordo / sistema di infotainment. Ormai quasi qualunque vettura ne presenta uno, dotato di schermo touch screen più o meno generoso e con funzionalità più o meno avanzate. Tuttavia i sistemi di infotainment delle vetture non sono sempre studiati al meglio, e spesso non hanno tutte quelle funzioni che vorremmo. Ecco allora che in molte automobili ci si ritrova ad attaccare al cruscotto lo smartphone, utilizzato come sistema ausiliario (se non principale) per gestire la  riproduzione musicale e la navigazione.

musica CarPlay

Apple e Google, i due grandi colossi che detengono la totalità del mercato dei sistemi operativi per smartphone (iOS e Android), si sono adoperati per sviluppare dei sistemi che possano trasformare il computer di bordo della vettura in qualcosa di molto più simile ad uno smartphone, donandogli anche funzionalità non previste di serie (come la navigazione). Questi due sistemi si chiamano Apple CarPlay e Android Auto.

telefono apple CarPlay

Acquistando una vettura dotata di questi sistemi (vi interesserà il primo se usate iPhone, o il secondo se usate uno smartphone Android) sarete certi di avere la miglior gestione possibile dell’infotainment della vostra auto. Una volta collegato lo smartphone, spesso anche in modalità wireless, sul display della vettura vedrete comparire delle icone simili a quelle delle app che avete sul telefono: ad esempio Spotify per ascoltare la musica, il navigatore e la gestione delle chiamate, app di messaggistica o per l’ascolto di audiolibri e podcast, e così via.

Il bello poi è che i sistemi sono stati sviluppati per essere quasi interamente gestiti attraverso la voce, in modo da non distrarsi alla guida. I messaggi di testo, per esempio, non compariranno mai scritti a video, ma verranno letti dall’assistente virtuale, e sarà poi possibile rispondere con la dettatura. A mio parere una vettura nuova dovrebbe essere a tutti i costi dotata di questi sistemi, o almeno di quello di vostro interesse tra i due. Se sono offerti come optional, non esitate ad aggiungerli, mentre se non sono assolutamente disponibili sulla vettura di vostro interesse, per lo meno, tenete conto e valutate come agire. Ecco la lista di vetture su cui sono disponibili Apple CarPlay ed Android Auto:

Questa è invece la lista dei nuovi modelli appena presentati al New York International Auto Show che, come ha indicato MacRumors, saranno dotati di Apple CarPlay:

  • 2019 Toyota Corolla Hatchback
  • 2019 Toyota RAV4
  • 2019 Lexus UX
  • 2019 Audi A6
  • 2019 Audi RS5 Sportback
  • 2019 Acura RDX
  • 2019 Acura MDX A-Spec
  • 2019 Cadillac CT6
  • 2019 Cadillac XT4
  • 2019 Ford Fusion
  • 2019 Subaru Forester
  • 2019 Honda Insight
  • 2019 Hyundai Santa Fe
  • 2019 Hyundai Tucson
  • 2019 Hyundai Kona Electric
  • 2019 Kia K900
  • 2019 Kia Optima
  • 2019 Kia Sedona
  • 2019 Nissan Altima