Chi vuole costruirsi una moderna casa domotica, o meglio una smart home, avrà certamente sentito parlare di ZigBee – tranquilli, se non sapete di cosa si tratti esiste la nostra Guida Completa alla Smart Home, dove è tutto spiegato nel primo capitolo (lì si parla anche di illuminazione smart e connessa). Facciamo tuttavia un breve riassunto: ZigBee è uno standard di connessione wireless ampiamente usato in ambito demotica, visti gli innumerevoli vantaggi in termini di latenza (bassa), possibilità di far rimbalzare il segnale attraverso tutti gli accessori domotici presenti in casa (quindi ampia portata) e, infine, consumi energetici bassissimi, cosa che permette di far funzionare telecomandi, interruttori e vari sensori wireless con una semplice batteria per molti mesi o anni.

Alexa Echo Plus ZigBee

Dove iniziano i problemi? L’unico grattacapo, se così si può dire, è che per usare ZigBee è necessario sfruttare un bridge, un accessorio che si colleghi al router di casa (via cavo o Wi-Fi) e che generi il segnale ZigBee per tutti gli apparati domotici. Questo è esattamente ciò che accade con Philips Hue, il famoso sistema d’illuminazione che necessita del Bridge Hue per funzionare in modo smart; lo standard ZigBee è adottato anche da tantissime altre aziende (come Ikea o OSRAM), e si sta imponendo come la soluzione preferita per la domotica (insieme a Z-Wave). I prodotti che usano il Wi-Fi sono ancora tanti, ma riguardano le fasce più basse del mercato, mentre chi vuole una casa connessa di alta qualità, non può rinunciare a ZigBee, almeno nell’ambito dell’illuminazione – diverso è il discorso per altri campi, ma è tutto spiegato nella nostra guida.

Qual è la novità quindi? Con il lancio dell’assistente virtuale Amazon Alexa e gli smart speaker Echo in Italia, è stato introdotto nel nostro Paese anche Echo Plus, uno smart speaker dotato di modulo ZigBee integrato, eliminando la necessità di acquistarne uno di Philips, Ikea, o qualunque altra azienda. Echo Plus è inoltre uno smart speaker al quale è possibile parlare per controllare tutti gli accessori compatibili con la piattaforma Alexa, ed è anche un ottimo strumento per riprodurre musica, grazie alle dimensioni generose dei diffusori – oppure è possibile collegarci una cassa esterna di ancora più alta qualità. Insomma un prodotto tutto fare, ma anche un po’ unico visto il modulo ZigBee integrato, e che si può acquistare scontato durante i primi giorni dal lancio, anche in abbinamento a prodotti per smart home, come le lampadine Philips Hue. Se non siete interessati al modulo ZigBee, oltre ad Echo Plus, potete anche dare un’occhiata a tutti gli atri smart speaker con Alexa presentati da Amazon (sempre utili per gestire una smart home), tra cui se ne trova uno dotato di display e videocamera integrata.